Notizie

Zingaretti: "Sono queste le storie da raccontare"

Il presidente della Regione Lazio e neo segretario del PD ha chiuso i lavori dell'apertura della palestra della legalità



Nicola Zingaretti ©Conti

"La legalità è opportunità, non repressione". Questo l'incipit dell'intervento del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che ha chiuso la presentazione della nuova Palestra della Legalità. "Ed in questo caso – ha proseguito il Governatore – permette ai ragazzi di questo quartiere di continuare a vivere un'esperienza associativa e sportiva nel rispetto delle regole”. La ricerca della legalità non è legata tra il presidente della Regione e l'Asilo Savoia alla nuova palestra, ma anche alle altre iniziative che Monnanni ed i suoi giovani hanno perseguito durante questi anni: "A questi ragazzi va un grande ringraziamento, per il lavoro che hanno fatto e per l'entusiasmo che hanno dimostrato. Io mi chiedo come sia possibile che vengano prodotte tante serie televisive sul mondo criminale e non si accendano mai i riflettori su esperienze meravigliose come quella dell'Asilo Savoia. Hanno rilevato il centro sportivo di Montespaccato dando la possibilità a centinaia di persone di poter fare sport,  ora la Palestra. Il loro entusiasmo è un valore aggiunto, fa la differenza tra chi non fa nulla e chi invece si carica sulle spalle alcuni problemi e va avanti. Questa Associazione è una delle più avanzate d'Italia in questo senso. E' bellissimo sapere che chi vivrà questo luogo entrerà leggendo la parola “legalità” e sono le strutture come queste che possono migliorare il nostro futuro. Parliamo spesso di beni confiscati, la confisca è uno dei più grandi traguardi che siano stati ottenuti, perché si va a colpire il cuore dell'iniziativa criminale, che è quello di arricchirsi. Confisca vuol dire però anche restituire alle persone. Un bene che prima non era di cittadini torna alla comunità e noi ci stiamo impegnando affinché si possano pulire tutti i quartieri di Roma e d'Italia dai traffici illeciti e dalla criminalità,.Perché sono questi i fattori che distruggono l'economia sana e creano un disequilibrio tra chi può contare sul crimine e chi invece può farlo solo su se stesso"