Notizie

Settebagni, Dominici: "Partita che segna la stagione"

Il capitano dei biancorossi analizza la vittoria sul campo della capolista nell'ultima giornata di campionato



23a Giornata
1 - 2

Luca Dominici © Facebook

Un successo veramente importante per il Settebagni, nello scontro al vertice contro la capolista del Girone E, il Nomentum. I ragazzi di Tramati sono riusciti a portare a casa il risultato dopo la dura battaglia di 90’ contro la favorita. Il distacco che c’è tra la società biancorossa ed i sabini, è dovuto ad una gara in meno che il Settebagni dovrà recuperare nei prossimi giorni. Con il discorso campionato riaperto, capitan Luca Dominici analizza l’intero match disputato nell’ultima giornata: “È stata una di quelle partite che segnano la stagione, e che vorresti giocarla ogni domenica. Abbiamo lavorato per farci trovare pronti e penso che il campo abbia dimostrato il livello della nostra preparazione in questi tipi di match. Avevamo davanti una squadra molto preparata e ben organizzata, che può metterti in difficoltà in qualsiasi occasione. In questi casi c’è la necessità di fare la partita perfetta ed avere anche un po’ di fortuna, e penso che noi abbiamo fatto una buonissima gara ed avuto quel pizzico di fortuna che ci ha permesso di portare a casa il risultato. È una vittoria importante sia per il valore dei punti ma soprattutto per il morale. Ci siamo presi la rivincita della partita del girone d’andata, e sono contento per vari motivi, soprattutto perché un gruppo giovane come il nostro è riuscito a battere una rosa esperta come quella dei nostri avversari”. Il passaggio nella categoria superiore e ormai quasi assicurato, come d’altronde il secondo posto, ma tra le file dei biancorossi c’è un solo obiettivo: “Innanzitutto vogliamo fare il massimo dei punti, ma dobbiamo ancora incontrare squadre blasonate come il Football Jus. Cercheremo di dare il meglio, perché, per una società ripartita interamente da zero, il passaggio in Prima Categoria sarebbe la realizzazione di un grande obiettivo” conclude il capitano.