Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Santori e la favola Pro Calcio "Settimana movimentata"

Parola al capitano dei gialloverdi di Tor Sapienza, il vincitore dell'ultimo sondaggio social di Eccellenza



Edoardo Santori ©Bastianelli

E' l'uomo copertina dell'Eccellenza laziale per questa settimana, ed insieme a lui la sua squadra, la Pro Calcio Tor Sapienza che sta riscrivendo la storia di un girone B in cui in tanti, forse tutti, davano il Pomezia come dominatrice assoluta ed inarrestabile. Quel Pomezia che proprio con un suo gol Edoardo Santori ha messo al tappeto, permettendo alla formazione di Anselmi di rimanere al comando della classifica. 

"Per me è stata una settimana movimentata - esordisce il difensore gialloverde - non mi aspettavo tutto questo, dal gol alla vittoria del sondaggio. Ci tengo a ringraziarvi per questa iniziativa, perché così date modo a tutti noi di avere visibilità. Poi voglio ringraziare la società che, probabilmente, si è attività per farmi ottenere parecchi voti, visto che la lotta con gli altri per vincere è stata serrata". 


Di solito ci si aspetta un tuo gol di testa, non su punizione: come nasce questa novità? "In allenamento provo sempre a calciarle, lo faccio da diversi anni. Nella passata stagione ho lasciato la palla a giocatori come Mereu e D'Ovidio che sanno il fatto loro in termini di calci piazzati, ma da quest'anno ci sto provando con più continuità. Domenica ero l'unico mancino in campo, ci ho provato ed è andata alla grande"

Adesso non siete più una sorpresa... "Adesso viene il difficile perché arrivare fin quassù non è stato affatto semplice. o se lo è stato sarà molto più complicato riuscire a rimanerci. Noi ormai non ci dobbiamo più nascondere, perché siamo una bella realtà e cercheremo di lottare fino alla fine, senza alcune pressione, perché la società non ce ne ha mai messa. Sicuramente il peso è più su altre squadre, che sono costate in estate 3-4 volte più di noi. Ma in campo non basta soltanto avere degli ottimi giocatori, bisogna essere anche uomini e noi questo lo siamo sempre stato. Siamo un gruppo unito  e non molleremo fino alla fine".