Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Pro Calcio Cecchina, Scalchi: "Girone difficile, c'è da lavorare"

Dopo un mese e mezzo di lavoro e amichevoli inizia a prender forma, con l’inserimento dei diversi volti nuovi, la formazione castellana



Gattoni, Zega e Paterna

Un mese e mezzo intenso, tanto lavoro atletico, novità tattiche e adattamento dei nuovi innesti. Su queste basi ha iniziato a prender forma la rinnovata ASD Pro Calcio Cecchina C.a5 guidata da Mister Enrico Scalchi e Daniele Scarsella, in vista dall’avvio ufficiale della stagione che avrà inizio il prossimo 20 ottobre.

Nonostante un pre-campionato denso di impegni dal quale emerge la necessità di lavorare ancora tanto su diversi aspetti, in casa rosso-blu si respira un cauto ottimismo, consci sia della difficoltà del campionato sia dell’esigenza di continuare nel percorso di inserimento dei nuovi giocatori e del perfezionamento dei diversi automatismi in fase difensiva.

La poca concretezza sotto porta, i troppi individualismi e la tenuta difensiva sono state le principali indicazioni negative avute nelle amichevoli disputate, mentre tra gli aspetti positivi è emerso il buon livello atletico, la coesione del gruppo nonostante tante competizione e la qualità dei singoli.

Amichevoli - La prima partita in casa contro la Eagles Aprilia, squadra retrocessa dalla C2 e profondamente rinforzata per puntare alla vittoria del campionato, ha visto gli apriliani imporsi per 6-3, complice anche diversi errori difensivi frutto della necessità di imparare al meglio le nuove proposte tattiche in via di apprendimento. In gol per rossu-blu Ianiri, Castaldo e Vassallo.

La seconda gara, contro l’Under21 dell’Albano C.a5, ha visto i cecchinesi imporsi in trasferta per 6 a 3, con reti di De Angelis, Zega, Paterna, doppietta di Paloni e Roberto Recine. Nel corso del match dove sono stati utilizzati 16 giocatori, si sono intravisti i primi miglioramenti nella fase di non possesso e l’efficacia di alcune giocate, inficiate in qualche occasione da automatismi ancora da perfezionare.

Nella terza amichevole la compagine rosso-blu è stata ospite della PGS Don Bosco Genzano, risultato finale 10-4 per la squadra di Mister Scalchi. Soprattutto nel primo tempo vi sono state alcune conferme circa il lavoro intrapreso, ma si sono evidenziate anche una serie di situazioni da dover migliorare in vista dell’inizio del campionato, come ad esempio la qualità del possesso palla soprattutto in verticale. Anche in questo caso, 16 giocatori utilizzati, in gol Ianiri e Zega, con due doppiette, Castaldo, Quarta, Schininà, Paloni, Valle e Baldolini.

La successiva gara pre-campionato si è svolta contro il Real Rocca di Papa, ottima squadra di serie D ed avversaria nel girone A. Risultato finale su tre tempi di 4-4, con doppietta di Ianiri e Schininà. Il match ha evidenziato ulteriori aspetti da affrontare in allenamento a partire dallo sviluppo del gioco di squadra, la gara infatti è stata caratterizzata da eccessi di individualismo non tollerati dallo staff tecnico, che tra l’altro hanno portato a diversi contropiedi avversari due dei quali conclusi in rete.

Nel quinto test, la ASD Pro Calcio Cecchina ha affrontato in trasferta la nuova realtà dello Sporting Albano (serie D, gir. A), allenata da Mister Sandro Moroni. Mal giocato il primo tempo, terminato sul risultato di 3-2 per il Cecchina, la squadra con una prestazione sicuramente migliore nella ripresa ha chiuso il match sul risultato di 8-4, con doppiette di Zega, Recine e Ianiri e reti di Schininà e Pizziconi.

Ulteriore amichevole, anche questa volta fuori casa, ha visto il Cecchina affrontare l’ottima compagine di serie D dell’Altetico Pavona di Mister Fioravanti. Pesante sconfitta per 5-1 per i ragazzi rosso-blu, che su un campo estremante stretto sono stati messi in seria difficoltà dai padroni di casa, molto bravi in fase di pressione alta e abilissimi e chirurgici nelle ripartenze. Per il Cecchina il gol della bandiera è stato siglato da Matteo Paterna. Buona la prestazione dell’estremo difensore Ciccarelli, nonostante le 3 reti incassate nel primo tempo.

L’ultima gara pre-campionato sarà giocata lunedì 16 ottobre contro l’Atletico Velletri, compagine del girone B, è rappresenterà un buon test per verificare i correttivi posti in essere dallo staff tecnico dopo gli errori evidenziati contro l’Atletico Pavona.

All’indomani dell’uscita ufficiale dei gironi di serie D e al termine della serie di amichevoli poniamo ora qualche domanda a Mister Scalchi ai nuovi arrivati Riccardo Schininà, Riccardo Ianiri, Germano Argalia, Alessio Quarta e Valerio Paloni, nonché al capitano Roberto Recine, che ha ereditato la fascia da Luca Paglia.


Roberto, ormai capitano a tutti gli effetti, cosa ne pensi della stazione che sta per iniziare?

Sì è vero, sono orgoglioso di essere il capitano di un gruppo di veri amici. Quella che ci aspetta sarà certamente una stagione difficile, si sono aggiunte squadre ben attrezzate oltre a quelle che già conoscevamo. Anche noi però siamo migliorati avendo aggiunto ottimi elementi al nostro gruppo storico....sicuramente chi verrà a Cecchina dovrà sapere che troverà una squadra sempre pronta a vendere cara la pelle.


Per i nuovi, come vi trovate a Cecchina? La competizione di una rosa così ampia vi spaventa? Sensazioni per il campionato?

Schininà – A Cecchina mi trovo benissimo! Non è il primo anno che gioco qui, decisi di andar via per provare un'esperienza nuova, rimanendo comunque molto dispiaciuto perché sapevo di lasciare un bellissimo gruppo, ma soprattutto degli amici. Sono contento di essere tornato anche perché la rosa quest'anno si è arricchita di giocatori con cui ho condiviso in passato altri campionati e trovarsi tutti insieme ancora una volta dà una spinta in più! Ammetto che quest'anno ci sono dei bei giocatori in rosa e che bisognerà impegnarsi molto. E poi penso che un po’ di sana competizione non faccia male in squadra, perché credo che spinga ognuno di noi a dare il massimo per guadagnarsi un posto, ed automaticamente si migliora crescendo tutti insieme. Forse è presto per parlare, ma direi che ci sono buone prospettive per quest'anno! La rosa è competitiva ed il gruppo è affiatato! Sicuramente daremo filo da torcere alle rivali. C’è gran voglia di fare bene.


Ianiri – A Cecchina mi trovo molto bene, ambiente familiare e ho un ottimo rapporto con allenatore dirigenti e società. Ambiente ideale per giocare a calcio. Sulla competizione si, c’è ne è molta e, per fortuna, siamo tanti e tutti bravi. Sarà un bel problema per il mister decidere chi lasciar fuori ogni partita. Anche se solo dopo un mese di allenamento, stiamo già diventando un gruppo molto unito. Per il campionato non so che dire non conoscendo le altre squadre. L'importante sarà giocare al massimo tutte le partite e uscire a testa alta, come si dice, con la maglietta sudata.


Paloni – Mi trovo bene qui a Cecchina, mi sono già ambientato sia con i compagni sia con la società. La competizione c’è perché siamo davvero tanti, ci aiuterà ha dare sempre il massimo in campo. Per il campionato non ci poniamo limiti, pensiamo partita dopo partita e alla fine vedremo dove saremo arrivati.

Argalia - È un ambiente stupendo e c'è molto gruppo e affiatamento! Riguardo la competizione è un bene vuol dire che la squadra è completa e ha giocatori di ottimo livello e avere una panchina competitiva è importante perchè tutta la stagione sarà molto lunga e difficile! Sicuramente le sensazioni sono buone perché la squadra c'è, il gruppo c'è, e ci sono quindi tutti i presupposti per fare bene.


Quarta – Non so che dire, sinceramente. Mi trovo bene, è un gruppo che si sta unendo dove tutti cercano di aiutare tutti. Io darò il 100% per fare un buon campionato ed aiutare la squadra.


Ed Infine, Mister Scalchi, qual è il bilancio del lavoro svolto e le sensazioni per il campionato?

Intanto è doveroso ringraziare tutti i ragazzi che hanno profuso il massimo impegno in questo periodo, inoltre senza l’aiuto di Daniele Scarsella non avrei mai potuto gestire da solo un gruppo così ampio. Ringrazio anche la società per lo sforzo e per il supporto quotidiano all’attività. Qui c’è voglia di crescere e di fare bene, e per questo si lavora in un ambiente ottimale. Sul lavoro…ne abbiamo ancora molto da fare, soprattutto per la fase difensiva e sulla fluidità del possesso palla, ancora un poco troppo sterile. Sul campionato non faccio pronostici, lo scorso anno dichiarai che l’obiettivo era il quinto posto e non l’abbiamo centrato per una lunghezza e per i due punti persi in una sciagurata partita a Segni, pareggiata 2-2. Se possibile, quindi, vorremmo tutti migliorare il piazzamento della scorsa stagione anche se poi solo le prestazioni in campionato potranno dire dove arriveremo. Tra l’altro, sottolineo che il nostro Girone (girone A) è sicuramente quello più impegnativo di tutta la serie D, dove, oltre alle formazioni più temibili già presenti lo scorso anno (Arcobaleno, Pol. Genzano, Matrix Ponte Loreto e Playground), si sono aggiunte altre realtà con obiettivi di vertice, come il Real Rocca di Papa e l’Ardea Calcio a 5, dove gioca un certo Lorenzoni. Non conosco invece il Time Sport Garbatella. Il livello del campionato si è sicuramente alzato, con diversi giocatori scesi da categorie superiori, quindi spero che noi ci faremo trovare pronti.

Per quanto ci riguarda, quello che posso dire è che c’è tanta voglia di far bene e che potenzialmente siamo una buona squadra, ma come sappiamo il verdetto viene dato dai 60 minuti giocati ogni venerdì. Inoltre sottolineo che le partite le vincono le squadre e non i singoli e su questo aspetto dobbiamo ancora lavorare visto che non è mai facile inserire ben 5 volti nuovi.

In allenamento poi essendo così tanti non è mai semplice raggiungere l’intensità necessaria ma in questo i ragazzi sono ottimi, inoltre avendo 19 ragazzi in rosa la competizione è altissima è tutti faranno il possibile per dimostrare il proprio valore a me e Daniele (Scarsella) cercando di ottenere più spazio possibile, consci che solo il campo dirà chi merita o no di giocare.