Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Monte Savoia, Fumini ci crede: "Voglio il massimo da qui alla fine"

Il centrocampista azzurro presenta la gara con il Villalba e il finale di stagione. Conclude con un primo bilancio sulla palestra di Ostia



Gianmarco Fumini (©Vamos)

La sconfitta contro l'Unipomezia è stata difficile da digerire in casa Montespaccato Savoia, un 2-5 in favore dei rossoblù che ha interrotto la bellissima serie positiva dell'undici di Belli. Trascinata da un super Delgado, la formazione di Grossi è riuscita a prevalere, ma gli azzurri se la sono comunque giocata a viso aperto mantenendo la propria identità e la propria filosofia. Adesso bisogna ripartire e il calendario metterà il Montespaccato di fronte al Villalba di Leone. I tiburtini da quando è arrivato il nuovo allenatore hanno cambiato passo, anche se nelle ultime due uscite sono rimasti a secco. C'è ancora una salvezza da blindare e contro gli azzurri nulla verrà lasciato al caso. A presentare la prossima partita è il centrocampista Gianmarco Fumini che, nell'ultimo periodo, sta trovando un impiego stabile nello scacchiere capitolino pur giocando in un ruolo non propriamente suo. “Veniamo da una sconfitta brutta come quella con l'Unipomezia dove secondo me abbiamo sbagliato qualcosa in termini di atteggiamento. Comunque venivamo da un ottimo momento e credo sia stato un ko casuale. In settimana ci siamo preparati bene consapevoli che anche la prossima sfida sarà molto complicata. Del Villalba conosco bene il portiere Nasti e sappiamo che il loro allenatore è un tecnico validissimo. Noi imposteremo la gara per i tre punti, non andremo lì per un pari. A questo punto dobbiamo provare a raccogliere più punti possibili e continuare a credere nel secondo posto. Ci proveremo anche considerando il doppio impegno del Team Nuova Florida, sperando al contempo in qualche passo falso delle altre. Almeno personalmente non firmerei mai per un quarto o terzo posto”. Come detto, il centrocampista si è guadagnato poco a poco la fiducia di mister Belli ed ora si sta sacrificando per la squadra giocando come mezz'ala. “Diciamo che non mi sento ancora al top della condizione e non sono ancora il Fumini degli scorsi anni. Ma adesso sto trovando continuità e sono contento delle opportunità che mi sta dando il mister anche giocando in un ruolo che non sento propriamente mio. Da mezz'ala si corre di più (ride n.d.r.). Comunque so adattarmi e penso prima di tutto a mettermi a disposizione della squadra”. Infine, Gianmarco conclude con una panoramica sui primi giorni di attività della Palestra della Legalità. In ta senso afferma: “In questi primi giorni non ci aspettavamo un boom di iscrizioni del genere. Siamo già a 340 iscritti e i feedback con le persone sono davvero molto positivi e incoraggianti. Siamo soddisfatti di questo inizio e cercheremo di migliorarci giorno dopo giorno”.