Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione - Rubriche

L'estro di Zandonà: il ragazzino 2000 che fa sognare l'Hermada

Il giovanissimo esterno rossoblu sta bruciando letteralmente le tappe, passando dagli Allievi in Promozione dopo 5 anni di assenza dai campi



La lotta per non retrocedere nel girone D si fa sempre più dura e combattuta. Con sole 3 partite ancora da giocare i margini di errore sono praticamente pari a zero e dando un rapido sguardo alla classifica generale ad oggi sono ben 8 le formazioni che rischiano la retrocessione. Con il Minturno praticamente spacciato, dal 17° all'11° posto può ancora accadere di tutto. Tra le formazioni invischiate in acque torbide, ma non lontanissima dalla zona salvezza, troviamo l'Hermada di Ramazzotto che con i 30 punti conquistati resta in 14esima posizione a 5 lunghezze dal Tecchiena di Promutico che attualmente sarebbe in salvo.

Esulta Zandonà (©Danesin)


L'Hermada degli ultimi tempi ha rialzato la testa dopo un periodo di evidente appannamento, raccogliendo nelle ultime 3 giornate un bottino di 7 punti. Tra i volti in evidenza della compagine rossoblu un ragazzo tra i più "piccolini" dell'intero campionato, il classe 2000 Riccardo Zandonà. Particolare anche la storia del giovanissimo esterno dell'Hermada, che dopo aver lasciato il calcio per ben 5 anni è ritornato a correre quest'anno bruciando tappe su tappe. Impiegato inizialmente con gli Allievi e successivamente con la Juniores, Zandonà è entrato nelle mire di mister Ramazzotto e nell'ultimo mese circa si sta rivelando tra le armi in più del team rossoblu. Queste le parole del baby 2000 sulla volata finale. “Siamo in una posizione di classifica che al momento non ci consente la minima distrazione ed ora arrivano delle partite per noi davvero molto importanti. Soprattutto quella del prossimo turno con il Real Theodicea sarà di fondamentale importanza e dobbiamo assolutamente vincerla per continuare a credere nella salvezza diretta. Da parte mia sono fiducioso, è soltanto un mese che gioco in Promozione ed in questo periodo mi sembra che la squadra comunque stia meglio, sotto il profilo atletico e mentale”. Come anticipato il giovane Zandonà è tornato a calcare il terreno di gioco dopo una lunghissima assenza, dove nel frattempo si è dedicato al Taekwondo doventando inoltre cintura nera. La passione per il calcio è stata però sempre la più grande e a distanza di 5 anni l'esterno è tornato a calciare il pallone e con numeri senza dubbio impressionanti. “Inizialmente, soprattutto con la prima squadra, ho faticato non poco per riacquistare la miglior condizione ed anche a livello tattico mi trovavo spesso disorientato. Il campionato di Promozione iniza ad essere abbastanza impegnativo e grazie all'aiuto di mister e compagni adesso ho ritrovato la giusta dimensione, in campo mi incitano e sempre mi fanno sentire il loro sostegno. Sono soddisfatto della mia stagione e spero di continuare su questa strada".