Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

L'Aniene 3Z saluta Daniele Di Stefano: "Professionista unico"

Dopo tre stagioni si separano la società gialloblù ed il preparatore dei portieri



Daniele Di StefanoDopo tre stagioni, si separano le strade tra la Virtus Aniene 3Z e DanieleDiStefano. Un legame che ha visto la società gialloblù ed il tecnico raggiungere assieme incredibili traguardi: vittoria dei campionati di C1 e B, vittoria della Coppa di serie C1, due finali di Coppa Italia nazionale, una semifinale playoff in A2 e tante altre soddisfazioni.


Il saluto “Un uomo di grande spessore, un professionista esemplare. Per noi è stato un onore condividere assieme a Daniele queste tre stagioni. La sua presenza è stata importantissima per la crescita dei nostri portieri che, di anno in anno, si sono rivelati sempre al vertice della categoria. Racchiudere in poche parole il lavoro di Daniele è difficile. Noi possiamo che ringraziarlo di cuore e augurargli un enorme in bocca al lupo per il suo futuro personale e sportivo che, ne siamo certi, sarà ricco di di grandi soddisfazioni”. Questo il saluto della società virtussina a Di Stefano.


Di Stefano Lo stesso Di Stefano vuole rivolgere il suo saluto alla Virtus: “Ringrazio tutta la società, Alessio Vinci e AndreaMestichella in primis, per avermi dato fiducia tre anni fa, quando ero all'inizio della mia carriera fuori dal campo. Abbiamo vissuto insieme una cavalcata entusiasmante che mi porterò sempre dentro. Un ringraziamento lo voglio rivolgere anche ai tre tecnici con i quali ho avuto modo di lavorare. Manuel Baldelli che mi ha voluto con sé all'inizio della mia avventura, Maurizio Venditti con il quale mi sono trovato bene, nonostante il breve percorso assieme, infine Mauro Micheli, al quale mi lega un rapporto di amicizia di lunga ma con cui non avevo mai lavorato”. Infine un ringraziamento va ai giocatori, soprattutto ai suoi ragazzi: “In ultimo vorrei menzionare tutti i portieri con cui ho lavorato in questi anni. Ottaviani, Di Sabatino, ForattiniBlasimme, De Filippis e Di Ponto. Su Edoardo voglio dire che l'ho voluto fortemente ad inizio stagione perché ero sicuro della sua grandi potenzialità. In questo campionato le ha dimostrate tutte e, a mio parere, è stato tra i tre migliori del campionato. Ha ripagato appieno la mia fiducia. Un pensiero speciale anche per Andrea “Ciccio” De Filippis. Oltre che un grande portiere, è un immenso uomo di sport. Se qualcosa l'ho ottenuta anche nel ruolo di preparatore, molto lo devo anche a lui”.