Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Kevin segna sempre 2 volte: Carlino e le sue vittime

Con la tripletta alla Virtus Nettuno il bomber rossoblù ha confermato una sua tendenza, oltre a salire sul podio dei cannonieri



Kevin Carlino ©Torrisi

Cinque gol nelle ultime due giornate, e questa volta sono arrivati anche i 3 punti. Dopo l'amarezza nel derby contro il Pomezia, l'Unipomezia è tornata al successo trascinata dal suo bomber, Kevin Carlino. Il capitano rossoblù ha sfoderato un'altra delle sue grandi prestazioni, dimostrandosi ancora una volta giocatore determinante in questa categoria, capace di spostare gli equilibri. Contro la Virtus Nettuno ha messo dentro la sua seconda tripletta stagionale. La prima l'aveva firmata nel match, sempre del Maniscalco, contro il Morolo che si era concluso con un perentorio 5-1. Sabato i tre gol si sono rivelati ancora più pesanti, visto che i biancazzurri sono riusciti per due volte a bucare la porta dell'Unipomezia. Un tris, dunque, ancora più prezioso. Con l'undici di Cesarini, tra l'altro, Carlino sembra avere un feeling particolare. Sempre lui infatti ha segnato nel match di andata, regalando ai suoi un punto nell'1-1 sul campo di Tre Cancelli. Marcature multiple ed avversari cui concedere il bis che si ripropongono nella striscia da 19 gol stagionali del bomber dell'Unipomezia. Come i nettunesi, infatti, hanno subito stessa sorte Dilettanti Falasche (1 gol all'andata ed uno al ritorno) Accademia Calcio Roma (1 alla seconda giornata e una doppietta decisiva all'Academy alla 17ª)  e Montespaccato, che ha subito un gol per ogni gara, riuscendo però a battere sempre la formazione di Recchia. Oltre alle due triplette Carlino ha messo dentro ben tre doppiette e non è mai rimasto a secco per più di tre giornate. Il suo digiuno più lungo l'ha vissuto dalla 2ª alla 6ª e dalla 17ª alla 21ª. Un rendimento che per ora lo porta al terzo posto nella classifica marcatori, a -2 da Stefanelli del Pro Roma e - 5 dal capoclassifica Fratini della Vigor Perconti. Sabato affronterà proprio il team blaugrana: una nuova vittima all'orizzonte?