Notizie

Fesival Etrusco contro il razzismo: ospite Vittorio Sgarbi

Domenica 27 gennaio in Sala Ruspoli tavola rotonda dal titolo 'Immigrazione, integrazione e cittadinanza – l’impatto del DL sicurezza sugli Enti Locali’. Tra gli ospiti, lo scrittore Dylan Berro



Image title

Sarà l’Onorevole Vittorio Sgarbi l’ospite d’onore dell’ultima giornata del Primo Festival Etrusco contro il Razzismo organizzato a Cerveteri. Il noto critico d’arte, nonché Sindaco di Sutri, domenica 27 gennaio interverrà alle ore 11.00 nei locali di Sala Ruspoli in Piazza Santa Maria all’interno della tavola rotonda 'Immigrazione, integrazione e cittadinanza – l’impatto del DL sicurezza sugli Enti Locali’. Oltre a Sgarbi, saranno presenti il Sindaco di Castelnuovo di Porto Riccardo Travaglini, il Sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo e lo scrittore Dylan Berro.

Prima del dibattito, inserito nell’ambito delle iniziative del Festival Etrusco contro il Razzismo, patrocinato dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri, a partire dalle ore 10.00 il musicista Luigi Petruzzi si esibirà al pianoforte interpretando tra gli altri, un brano di sua composizione dedicato proprio al tema dell’integrazione dal titolo ‘Chiaro e Tondo’. “Quello dell’integrazione è un argomento importante, fortemente attuale nella società di oggi, che troppo spesso strumentalizzato per sole logiche elettorali, con il bieco intento di colpire la pancia delle persone – dichiara il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci - c’è chi volta le spalle di fronte alla parola accoglienza, c’è chi invece crede fermamente che accogliere non sia un compito, ma un dovere morale e umano. E lo è soprattutto da parte di noi Istituzioni. Per questo siamo orgogliosi di poter ospitare all’interno del Festival contro il Razzismo, una  manifestazione che già in questi primi giorni ha riscosso ampio successo, ospiti di così grande rilevanza, con il preciso obiettivo di poter affrontare le problematiche dell’accoglienza e dell’integrazione con uno sguardo obiettivo, senza alcun pregiudizio, partendo dall’impatto che esse hanno sugli Enti Locali”