Notizie

Eaff Junior Camp, terza edizione in scena al Tre Fontane

Si rinnova la bellissima iniziativa rivolta a bambini e ragazzi amputati provenienti da dieci Nazioni europee, sotto gli occhi di diversi calciatori della Nazionale Maggiore



La cornice incantevole del Tre Fontane di Roma, ha reso omaggio ad un’iniziativa sportiva dai connotati senza dubbio nobili. Tre giorni di calcio e puro disincantato divertimento hanno accompagnato ben 70 bambini amputati, provenienti da 10 nazioni europee diverse di età compresa tra i 5 e 16 anni: nella Capitale è andata dunque, trionfalmente in scena, la Eaff Junior Training Camp. Il raduno, giunto alla terza edizione continentale, ha visto i partecipanti intraprendere due sessioni di allenamento quotidiane sotto gli occhi vigili di alcuni componenti della Nazionale maggiore di Calcio amputati che, ad Ottobre, sarà impegnata ai campionati mondiali che avranno luogo in Messico, a Guadalajara.Terza edizione Eeaf Junior Training Camp


Agli allenamenti sono seguite delle partite amichevoli sull’erba del Tre Fontane: gare in cui i giovani azzurri dell’Italia hanno dimostrato il loro valore che fa da apripista per un roseo futuro. La FISPES si augura di incrementare il movimento in atto, favorendo col proprio encomiabile messaggio, la formazioni di club con l’obiettivo di costituire un vero e proprio campionato nazionale italiano. Nel frattempo c’è la Nazionale che, come detto in autunno sarà al Mondiale in Sud America e che, presenziando all’evento del Tre Fontane, ha tracciato un solco di inestimabile valore da applaudire e prendere come esempio di vita sicuramente da emulare.


“È stato un grande evento - ha dichiarato il presidente FISPES Sandrino Porru - dove il ringraziamento va rivolto ai ragazzi che con tanta abnegazione hanno vissuto questa esperienza, dimostrando ancora una volta a chi ha avuto il piacere di assistere che lo sport è divertimento. Un dolce pensiero va ai familiari dei ragazzi che, hanno potuto verificare di persona quanto la disciplina sportiva aiuti l’autostima e la forza interiore dei propri figli”.


Visibilmente soddisfatto anche il presidente del comitato paraolimpico Luca Pancalli.

“L’evento del Tre Fontane - narra Pancalli - mi rende felice poiché costituisce la celebrazione perfetta per questi campioni di ogni età: insieme, tutti quanti, hanno dipinto di sorrisi questo meraviglioso centro sportivo”.


Trasformare apparenti punti di debolezza in punti di forza fisici e mentali è il tesoro più grande che un’essere umano può scoprire, la Eaff Training Junior Camp ha testimoniato che ciò può tranquillamente avvenire.