Notizie
Categorie: Nazionali - Under 16

Derby a distanza - Roma e Lazio, le due difese: ecco i muri di Falsini e Fratini

Seconda puntata del nostro speciale con cui andremo alla scoperta dei segreti di giallorossi e biancocelesti, primi in classifica nei loro rispettivi gironi



Dopo aver analizzato le aspettative con cui Roma e Lazio si presentavano ai blocchi di partenza del nuovo campionato, continuiamo il nostro viaggio con lo speciale "Derby a distanza", approfondendo caratteristiche ed interpreti dei reparti difensivi di giallorossi e biancocelesti. 


Roma, quante alternative di qualità


Buttaro (©Del Gobbo)I numeri parlano chiaro, quella della Roma è una delle migliori difese del girone. C'è chi ha fatto meglio della retroguardia giallorossa che però, dal canto suo, ha saputo incidere in maniera più che evidente. Lo sanno bene Ascoli e Pescara, avversari contro cui Buttaro e Ciucci, due difensori appunto, hanno tolto le castagne dal fuoco a Falsini. Il tecnico, in queste prime cinque di campionato, ha dimostrato di aver già le idee chiare: linea rigorosamente a 4 e sempre alta per metter pressione agli avversari. Da una simile scelta emerge quella che è una delle peculiarità dei giallorossi, il portiere. Andrea Trovato è un estremo difensore moderno, coraggioso, e che non è raro vedere addirittura fuori dall'area di rigore nel disinnescare le ripartenze avversarie. Davanti a lui Buttaro, centrale rapido che gioca d'anticipo, con accanto uno tra Tripi e Ciucci che portano quei centimetri che altrimenti mancherebbero. I due si sono alternati spesso e l'impressione è che Falsini proseguirà in questo dualismo per tutto il campionato. Dualismo che si ripropone anche sulla destra con Muteba e Tomassini, esterni di destra, in grado di garantire un'ottima affidabilità. Sull'altro versante, fari puntati su Samuele Suffer. Il terzino è reduce da una stagione in crescendo dove ha avuto la “sfortuna” di giocare nello stesso ruolo di Calafiori, situazione che ne ha ridotto il minutaggio. Con la promozione del compagno nell'Under 17 questa potrebbe davvero essere la stagione della definitiva consacrazione per l'ex Carso. 


Franco, leader e goleador: che impatto per il Capitano! 


Franco (©Gazzetta Regionale)

Molto spesso si dice che la miglior difesa sia l'attacco, e in qualche modo la Lazio l'ha dimostrato in queste prime cinque gare. Tolto il successo di misura contro il Milan e il ko con il Cittadella, infatti, la banda Fratini ha vinto le altre sfide con almeno tre gol di scarto. Ma quello che sta convincendo in quest'avvio di stagione è anche la solidità del reparto difensivo biancoceleste, che a parte lo sciagurato passo falso d'inizio mese, ha fatto vedere ottime cose quando sceso in campo con attenzione e determinazione. In porta quel Moretti corteggiato in estate da diversi top club, uno dei classe 2003 di maggior prospetto in quel ruolo, dotato di buon fisico e grande reattività. Davanti a lui una cerniera a 4 imponente e piena di qualità. Fratini non sembra avere troppi dubbi: Franco e Pica i centrali, Vecchi e Cornacchia gli esterni. Il capitano è il leader indiscusso, un mix di forza e tecnica fuori dal comune, a cui aggiunge anche un discreto fiuto del gol (già 3 in stagione); al suo fianco un altro colosso, capace di badare più al sodo che alla giocata di qualità. Sulle fasce due motorini inarrestabili, bravi sia in fase di spinta che di copertura. Insomma, le prime indicazioni parlano chiaro: questi quattro partono davanti nelle gerarchie, ma sicuramente anche i vari Battistelli, Darini e Ronci, troveranno spazio nel corso della stagione. In fondo, i profili per fare bene ce li hanno anche loro. 


Domani non perderti la terza puntata del nostro speciale "Derby a distanza", in cui analizzeremo uomini e meccanismi dei reparti di centrocampo di Roma e Lazio.