Notizie
Categorie: Dilettanti

CPC 2005 segno X al Fattori, pari tra Montalto e CSL

La formazione biancorossa impatta con il Pian Due Torri, reti bianche tra tirrenici e viterbese



Montalto, pari in amichevole (©Del Gobbo)

Al Dopolavoro Ferroviario Civitavecchia reti inviolate nella gara amichevole tra la CSL Soccer di Daniele Fracassa ed il Montalto di Nicola Salipante. Per i due tecnici civitavecchiesi, indicazioni diverse arrivano dal test amichevole disputato sotto un sole opprimente. La CSL Soccer ha mostrato grinta e determinazione in ogni fase del campo: qualche sbavatura di troppo si è notata in fase difensiva. Il Montalto è apparso più tonico e risoluto rispetto al match perso con la Compagnia Portuale Sabato scorso. I viterbesi non sono stati efficaci e cattivi calcisticamente in fase offensiva: ghiotte opportunità capitan Trebisondi e compagni le hanno concesse ma, i gialloblù, hanno mostrato scarsa concretezza sotto porta.

Se la gara del Dlf è terminata col verdetto di parità ma a reti bianche, lo stesso dato ma con 4 reti è emerso dalla sfida del Tamagnini tra Cpc e Polisportiva Pian Due Torri. I rossi hanno riacciuffato per ben due volte la compagine capitolina grazie all’opportunismo ed al talento puro del nuovo acquisto Giuseppe Tabarini. La formazione di Andrea Ranaldi ha sbloccato la gara con un penalty trasformato da Celeroni a cui ha risposto appunto l’ex Real Monterotondo Scalo Tabarini,  sfruttando un pasticcio della difesa romana. Pur cercando di imporre, con caparbietà, il credo calcistico impartito dal proprio tecnico Paolo Caputo, la Roja ha subito fin troppo l’esuberanza fisica dei capitolini. I portuali hanno subito la rete del 2 a 1 in maniera abbastanza banale da Orsini poi hanno evitato la sconfitta col solito Tabarini: spettacolare il suo destro a giro, scagliato elegantemente dai venti metri sotto l’incrocio dei pali dell’incolpevole e attonito numero 1 Salsano al 44’ del primo tempo tempo.La ripresa, come avviene un po’ in tutte le amichevoli estive, è stata la saga degli esperimenti da ambedue le parti.Nella Cpc, si è sentita eccome, l’assenza della stella Luigi Ruggiero fermo a bordo campo a causa di una brutta botta rimediata nel test col Montalto: quando manca il numero 10, la Cpc appare disorientata. Tabarini ha cercato, con successo, di mascherare tale pesante mancanza: Taba è un giocatore straordinario.Col rientro, ormai prossimo, di Stefano Loiseaux, la Cpc potrebbe potenzialmente ostentare alla concorrenza un tridente a dir poco stellare per la Promozione: Tabarini, Ruggiero, Loiseaux, ovvero un mix micidiale di qualità difficilmente arginabile.