Notizie
Categorie: Giovanili - UNDER 19 DIL.

Accademia: non solo rimpianti. Spagnoli "Crediamoci ancora"

I nerazzurri saranno di scena contro il Settebagni. Una sfida dal sapore particolare per il tecnico, che figurerà come ex



Umberto Spagnoli ©Lori

Una stagione un po' borderline quella dell'Accademia Calcio Roma, che forse non ha mai espresso tutto il suo potenziale. I nerazzurri sono lì, tra color che son sospesi e sabato, contro il Settebagni, cercheranno di dare una sterzata alla loro classifica. Umberto Spagnoli, tecnico dei nerazzurri, vivrà questa sfida con uno spirito particolare, visto che è un fresco ex, ma ci tiene a fare bene e lascera qualche sentimento nel cassetto. La sua Accademia ha da qualche settimana anche un uomo in più, Mataldi, che potrebbe essere determinate da qui a fine stagione. Intanto bisogna pensare a quel che è stato, partendo dal presupposto che si poteva fare meglio. "Penso che potevamo fare qualche punto in più. Purtroppo abbiamo avuto degli infortuni e delle mancanze nelle partite chiave, perse per qualche inezia, specialmente con Boreale, Campus e Certosa. Non abbiamo trovato la quadra ed abbiamo perso qualche punto in quelle occasioni.  Poi dopo i ragazzi hanno incontrato 9 risultati utili in cui però ci sono stati tre pareggi che con la classifica a tre punti valgono poco. Magari hanno un valore morale, ma ai fini della classifica servono poco. Partite perse negli ultimi cinque minuti. Insomma abbiamo trovato qualche difficoltà nell'assestarci, magari ho commesso anche qualche errore io, non soltanto la squadra, però, abbiamo fatto bene, centrato buoni risultati. Le squadre che ora abbiamo davanti le abbiamo fermate, come col Campus sabato scorso e non era facile, perché sono una gran bella squadra, guidata da un tecnico giovane e motivato. La Boreale probabilmente l'abbiamo trovata in un momento poco felice. Adesso affronteremo il Settebagni, un gruppo che conosco, solido. Un gruppo di amici, incontrerò Simone Massimi che considero un amico, un ragazzo tenace che fa rispecchiare questo nella sua squadra. Hanno fatto 35 punti, quindi un campionato importante. Giocheremo sapendo di incontrare una squadra forte, su un campo difficile se non lavori bene. Vedremo cosa accadrà". E poi prosegue su Mataldi "Averlo avuto ad inizio campionato ci avrebbe potuto dare quel gol che chiude la partita. Non siamo una squadra che non segna (43 i gol stagionali). Con lui invece abbiamo trovato delle nuove soluzioni. E' un giocatore che la mette dentro alla prima occasione utile, con i "se" e con i "ma" non si costruisce niente, quindi Mataldi me lo godo adesso e cerchiamo di accelerare il più possibile, sperando che qualcuno là davanti freni un pochino".