Notizie
Categorie: Altri sport

A1 - Roma Vis Nova col mal di traferta: ko a Torino

I leoni di Ciocchetti crollano sotto i colpi del team di Aversa che si impone con 5 reti di scarto



REALE MUTUA TORINO 81 IREN-ROMA VIS NOVA PN 11-6

REALE MUTUA TORINO 81 IREN Rolle, Audiberti, Filipovic 2, Azzi, Maffe', Oggero 1, Bezic 2, Vuksanovic 1, Presciutti 1, Novara 3, Gaffuri 1, Giuliano, Aldi ALLENATORE Aversa

ROMA VIS NOVA Nicosia, Innocenzi 1 (1 rig.), Gobbi, Delas 1, Gianni, Bitadze, Jerkovic 2, Vittorioso, Vitola, Pappacena 1, Migliorati, Briganti 1, Brandoni ALLENATORE Ciocchetti

Nicosia (©Pucci)

Di monumentale a Torino c'è solo la piscina. La Roma Vis Nova cade inesorabilmente per l'ennesima volta in trasferta in questa stagione disputando una partita al di sotto delle proprie potenzialità. I romani non sono mai entrati in partita, lenti e macchinosi in fase di impostazione, hanno sbagliato molto sotto porta e con l'uomo in più. Non è mai stata avanti la squadra di Ciocchetti, che ha sofferto il gioco avversario e non ha approfittato del momento di vuoto degli avversari nella quarta frazione. A 4' dal termine del match Roma, sotto 8-6, poteva rimontare e invece ha pagato dazio la scarsa vena in attacco. Anzi in difesa è stata molle, prendendo l'ennesimo parziale negativo fino al 11-6 finale, che condanna la a una pesante sconfitta. Non riesce proprio a invertire la tendenza negativa in trasferta la squadra della Capitale che ha conquistato solo due punti lontano dal Foro Italico. E per trovare i punti necessari per evitare i playout la Vis Nova deve necessariamente fare meglio. Il pensiero del tecnico Cristiano Ciocchetti. “Abbiamo disputato una brutta partita, non siamo entrati proprio in gioco, abbiamo sbagliato tanto, troppo, sia in attacco, tirando molto volte sul portiere, sia dietro. Se vogliamo staccarci dalla zona salvezza non possiamo sbagliare queste partite contro dirette concorrenti. Purtroppo non abbiamo lo stesso rendimento di casa e trasferta, soffriamo molto, non abbiamo tirato fuori il carattere. Sono tre punti pensanti in classifica, gli errori si pagano, sembravamo spaesati, come se non sapessimo cosa fare. Loro bravi, ci hanno messo in difficoltà con i due stranieri. Abbiamo meritato di perdere”.